La Diabolica GT

Parliamo assieme della nostra Coupé

Moderatore: Moderatori

La Diabolica GT

Messaggioda Gentleman_Driver » 22/06/2017, 14:49

E’ una domenica sera di fine maggio, sono in viaggio verso casa lungo l’A4. Ho appena assistito all’arrivo della 1000 Miglia e in barba ai pareri contrari degli amici che per timore del traffico hanno provato a dissuaderci, io e mia moglie ci siamo concessi un piacevole e analcolico aperitivo fuori programma sul Lago di Garda dove, probabilmente per via dell’orario, tutte le loro preoccupazioni si sono alla fine rivelate vane.
Una sensazione di pace e appagamento pervade l’abitacolo della GT, con gli occhi ancora colmi dello scintillio delle onde e del beato incrociare dei germani che popolano le sponde del lago, io e la mia metà gongoliamo per aver fatto di testa nostra ed aver goduto pienamente di quello scorcio pomeridiano.
Sono tante le vetture storiche che incontriamo lungo il tragitto, alcune in forma smagliante, altre un po’ più stanche ma tutte fiere nel loro incedere.
A completare il quadretto idilliaco c’è pure la sparizione di quello scocciante rumore proveniente dai gommini del portellone che, con una spruzzata di silicone spray, hanno smesso di vibrare e di incolpare l’innocente cappelliera. In precedenza avevo già provato ad aumentare l’estensione dei pistoncini sui quali sono montati senza però ottenere un risultato duraturo. Insomma sulla GT regna finalmente il silenzio o per meglio dire quel mix di rumori aerodinamici che solo noi irriducibili proprietari, assieme gli appassionati di vela e di volo planato, consideriamo tale. Si lo so che ci sono pure quelli che sotto il cofano hanno un intonatissimo Busso. Ma sono pochi e lo usano così raramente che per semplicità di esposizione possiamo benissimo ignorarli (scherzo ovviamente in verità vi invidio).
Insomma tornando alla storia, seguo rilassato il flusso del traffico a bordo della mia GT avvolta in quella sorta di “silenzio” quando un cuneo arancione prende forma nello specchietto retrovisore. La fiammella della Passione divampa in me mentre la Ragione cerca di domarla invitandomi a riflettere sul ridotto numero di esemplari prodotti di ciò che io oso solo sperare che sia e sul fatto che a quella considerevole distanza, potrebbe trattarsi anche “solo” di una Elan (la serie degli anni 90 a trazione anteriore e motorizzata Isuzu) o di una datata ma sempre bella F355.
Però da quel che vedo dallo specchietto mi sembra più grande della bistrattata Lotus e dai cancelli di Maranello di quel colore penso che siano usciti soltanto i giubbini ad alta visibilità degli operai addetti alla catena di montaggio.
“Gentleman finiscila che poi ci rimani male, supera quella tristezza di SUV marrone così ti fai sfilare da quell’oggetto non identificato e la smetti di fantasticare” – ordina con tono perentorio la Ragione.
E così con il finestrino sinistro in discesa sincronizzata con lo sterzo, cedo il passo spostandomi sulla corsia accanto. Rimango in attesa per qualche secondo, poi un suono disordinato, quasi da macchinario industriale, arriva alle mie orecchie persuadendomi che sicuramente non si tratta di una Elan. Il cuneo arancione finalmente accelera e mi sfila con assoluta calma.
“Diablo GT, si tratta proprio di una Diablo GT !” - crepita la fiamma della Passione mentre fa il gesto dell’ombrello alla Ragione.
L’inconfondibile doppio air scope sopra il tetto non lascia dubbi e grazie all’andatura, assolutamente in linea con le direttive diramate dall’Associazione Italiana di Cardiologia, con la quale viaggia la “diabolica GT”, mi metto in coda alla Lambo facendo rotta verso un orizzonte crepuscolare con il cielo di colore blu notte striato da un rosso intenso.
Da dietro ammiro la sua linea cuneiforme che mette in risalto l’enorme sezione dei pneumatici posteriori tra i quali fa capolinea il differenziale.
Le dimensioni delle gomme ed il ridotto spazio che le separa fanno sembrare poco adeguata la larghezza della carreggiata. Il suo retrotreno ha quasi le stesse proporzioni di quello di Saetta McQueen, il personaggio del cartone Cars. Inoltre a rendere l’idea dell’esatta quantità di pelo sullo stomaco che occorre per pilotare quella vettura si aggiunge anche l’imponenza della coda che oscilla sulle minime irregolarità del manto stradale.
E mentre mi diverto a scovare gli altri dettagli della sua linea, fino a quel giorno visti solo in fotografia, come ad esempio gli sfoghi d’aria inclinati sotto i gruppi ottici, El Diablo mi spalanca la visione delle fiamme dal doppio scarico centrale che, privo di alcuna traccia di ipocrisia stilistica, punta verso l’alto con i suoi terminali spudoratamente scoperti. Non sono fiamme lunghe come quelle di un moderno barbecue a gas. Sono fiamme “corte” che si accendono e si spengono spontaneamente. Più che la coda di un aereo da caccia sembra di vedere uno di quei filmati di cardiologia con le luci degli scarichi a fare da ventricoli pulsanti al V12.
Le fiamme che fuoriescono dai due tubi hanno ormai lo stesso colore dell’orizzonte e onestamente non saprei dirvi se sono quelle dell’infermo o quelle di rilascio del motore, perché dopo nemmeno 5 km la Lambo rientra con molta prudenza a destra per poi dirigersi verso uno dei tanti svincoli.
E così, esorcizzato dall’acuto "beep" del mio telepass, ritorno alla realtà. Una realtà fatta da una fedele Alfa GT dalla quale osservare l’imprevedibile scorrere del mondo. E anche se non sarà mai una blasonata super car, almeno non è di certo una perbenista vettura di colore marrone !
Le strisce pedonali non sono espressioni bicromatiche di “Street Art”.
Gentleman_Driver
Super Alfista
 
Messaggi: 1684
Iscritto il: 22/12/2009, 18:16
Località: Milano
Status: EcceziunaleVeramente

Messaggioda Outrun » 22/06/2017, 16:16

Ecco la storia! Bella! :clap) :clap) :clap)
Avatar utente
Outrun
Super Alfista
 
Messaggi: 1726
Iscritto il: 28/06/2013, 15:58
Status: ก้้้้้้้้้้้้้้้้้้้

Messaggioda patrick76 » 22/06/2017, 19:40

Grande..come al solito :OK) :OK) :OK)
alfa gt 1.9jtd nero metallico pelle rossa black interior cerchi black line da 18 + pirelli pzero
Avatar utente
patrick76
Cuore Sportivo
 
Messaggi: 7889
Iscritto il: 29/07/2005, 12:34
Località: teramo

Messaggioda Centoquarantasette » 23/06/2017, 1:49

Un piacere leggerti come sempre :D
Alfa 147 1.9 mjet 2007 3 serie 120 cv grigio lipari
Alfa GT 1.9 mjet 2006 restyling 150 cv grigio lipari
Avatar utente
Centoquarantasette
Super Alfista
 
Messaggi: 2538
Iscritto il: 27/01/2008, 20:57
Località: Sicilia
Status: celibe

Messaggioda Diabolik » 23/06/2017, 13:09

Grande gentleman!
GT "bel canto", 18" a raggi, rosso met., pelle cuoio, xenon, sensori park, P0
L.A.A.A. socio n°24 - tracce di sangue nella circolazione alcolica !! CATTIVIK for president !!
anche: GT i-Drive Team Issue, in poche parole 100% GT nel sangue - socio L.A.C. n°1
la potenza logora... le gomme :asd)
Piola IngegnIering Fun Club membro n. 23 - Peso diviso Chilogrammi più zerocento eddddiviiisooooduuueeeeeeee!
Avatar utente
Diabolik
Moderatore
 
Messaggi: 10668
Iscritto il: 25/01/2005, 19:29
Località: Monza
Status: bastardo dentro

Messaggioda savarc » 23/06/2017, 15:41

.....e come ho più volte ribadito in passato, la nostra GT, che è stata costruita in soli 80.232 esemplari (dei quali oggi, forse il 10% non esiste più), potrà diventare un'apprezzata auto per appassionati e collezionisti, con un innalzamento del valore sull'usato (che francamente oggi è ridicolo su tutte le versioni).

PS : la Diablo GT è l'auto che ho guidato più di tutte (nei miei sogni) quando ero diciottenne , negli anni '90, l'ultimo bolide propriamente Lamborghini, prima che il marchio fosse ceduto all'Audi. Gran bestia davvero :spin)
Alfa GT 1.9 mjet Progression nera, cerchi 18 a raggi originali alfa.... Bellissima..... Ultima vera grande Alfa Romeo
viewtopic.php?f=11&t=110289&hilit=Il+primo+amore
savarc
Alfista Senior
 
Messaggi: 326
Iscritto il: 02/11/2007, 17:07
Località: Messina


Torna a Alfa GT

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti